MYANMAR - Contrada34
Rivenditori expo 2015 Brescia

MYANMAR

Yangon, Bagan, Mandalay, Lago Inle, Loikaw

Esperienza scritta da: SONIA

Una terra ricca di attrattive tra natura, tradizioni e popolazioni affascinanti, in un itinerario che ripercorre il Myanmar più autentico, alla scoperta delle vere radici dell’Asia

Il nostro tour inizia con il luogo simbolo di Yangon, la Pagoda Shwedagon. Luogo di culto della religione buddista, ti infonde pace e benessere grazie alle candele, gli incensi profumati e i sorrisi dei birmani che pregano, rendendo il posto ancora più affascinante Iniziata dai Mon 2.500 anni fa, ora è un complesso enorme con guglie, tempietti, pagode più piccole che si moltiplicano attorno allo stupa centrale, su cui svetta una cupola alta 100 metri, tutta ricoperta d’oro.

Sulla sommità un globo con incastonati 4351 diamanti sormontati da un brillante di 76 carati. La visita si effettua rigorosamente a piedi nudi.

Il mattino dopo, sveglia presto per volare su BAGAN : la piana delle mille pagode della Birmania. La visita inizia al mercato caratteristico di Nyaung Oo dove i locali fanno la spesa (bellissimi colori di frutta e verdura).

Bagan è l’antica capitale del Paese, durante vari secoli vi costruirono 4.500 templi e pagode.  Ora né rimangono circa 2.200 sparsi su una superficie di 450 km quadrati.

Dopo aver ammirato alcuni dei templi più rappresentativi,  sosta fotografica a Thatbyinnyu e nel pomeriggio visita ad una fabbrica di oggetti laccati, arte antichissima e ai templi Myinkaba Gubyaukkyi in stile Mon, Manuha Temple dedicato al re prigioniero e al Tempio di Nanpaya con le sue raffinate incisioni su pietra. Tappa imperdibile al Tempio di Dhammayangyi, il santuario più massiccio di Bagan.

Lasciata Bagan attraversiamo la campagna in direzione Mandalay, antica capitale e ancora centro culturale ed economico del Paese. Piacevole la località di Inwa percorrendo le strade sterrate a bordo di un calesse. Abbiamo visitato il monastero di Bagaya, costruito in teak e sopravvissuto a guerre e devastazioni e il Me Nu Oak-Kyaung, monastero di mattoni.

Partenza per il villaggio di MINGUN e visita di Pahtodawgyi, della Mingun Bell e dell’incantevole Pagoda Shinbume, eretta dal nipote del re Bodawpaya in memoria della moglie defunta di parto.

Giornata intensa di emozioni per gli occhi e il cuore: abbiamo iniziato con la visita alla pagoda di Khuthodaw dove si può trovare il libro più grande del mondo. In questo tempio sono state costruite delle cappelle bianche contenente ognuna una pagina del canone buddista scolpita nel marmo. In totale sono 730 pagine. 

Dopo aver visitato il monastero di Shwenandaw e la statua del Buddha Mahamuni, proseguimento per Amarapura.

Visita del Monastero Mahagandayon, il collegio monastico più importante dove migliaia di monaci risiedono per studiare il buddismo e del ponte pedonale di legno U Bein lungo ben 1,2 km. Partenza per Pindaya, luogo dal fascino mistico e culla della spiritualità.

Shwe Oo Min Natural Cave Pagoda all’interno della quale, nel corso dei secoli, i fedeli hanno depositato migliaia di immagini votive del Buddha.

Immancabile una giornata dedicata alle visite in barca sul lago Inle a 900 metri sul livello del mare.

Con le lance siamo partiti dal nostro hotel per la visita degli orti galleggianti. Sul lago Inle vive la tribù degli Inda: IN=lago Da=figli. Figli del lago. Vivono in vari villaggi su palafitte e tutti gli spostamenti sono in barca. Bellissimi i pescatori che remano con la gamba per far scappare i pesci nascosti tra le alghe, per poi catturarli con la cesta o la rete.

Partenza per Loikaw. Attraversando le verdi colline si raggiunge il villaggio di Pemsong, nella comunità di Pan Pet.

Ed eccoci nel villaggio di Rang Ku, con l’incontro con le famose signore Padaung, meglio conosciute come “donne giraffa”. 

Valeva la pena arrivare fin qui per loro.
A nove anni si mettono la prima collana di ottone, a 15 la seconda e a 21 mettono un cerchio più grande alla base del collo, impressionante il peso di questo ornamento che abbiamo toccato e pesa 10 kg! MERAVIGLIOSE e VERE.


LE MIE RIFLESSIONI:

Templi antichipagode millenarieluoghi che evocano pace e tranquillità difficili da trovare altrove. Una popolazione semplice, dai lineamenti gentili e ospitale sempre con il sorriso stampato in viso (caratteristica comune a tutte le persone che ho incontrato durante questo splendido Tour).

Il Myanmar è al momento una destinazione ancora lontana dal turismo di massa e questo lo si capisce dal fatto che molti birmani non siano ancora del tutto abituati ai turisti e chiedevano loro di poterci fotografare. Il progresso pian piano sta arrivando: per esempio tutti o quasi hanno il telefono, anche chi vive nelle capanne!

I ricordi visivi che porterò con me: la bellissima luce che illumina la valle di Bagan, gli occhi neri profondi dei bambini, le scene di vita rurale sulle sponde del suggestivo lago Inle, gli stupa dorati che spuntano da ogni dove.

Il Myanmar è un luogo vero e ancora autentico, da visitare subito!

 

Grazie a Francorosso per l’opportunità: Il tour “Autentico Myanmar” è uno splendido  itinerario per scoprire le radici autentiche e le tradizioni del Paese .

 

  • Ideale per: Appassionati di fotografia,Coppie,famiglie
  • Periodo: aprile,Dicembre,Febbraio,Gennaio,marzo,Novembre
  • Fascia di prezzo: 1500/2000 €
  • Voto Vacanza:
Richiedi una quotazione per questo viaggio
Lascia il tuo commento
Richiedi una quotazione per questo viaggio

Contrada Del Cavalletto 34 25122 BRESCIA (BS) IT
cavalletto@contrada34.it
030 3750195

Visualizza altre esperienze di viaggio

Lasciatevi ispirare e scegliete la meta della vostra prossima vacanza !

BRUNEI E MALESIA PIERANNA

Esperienza di viaggio

Voto:
Leggi il diario
TANZANIA DANIELA

Esperienza di viaggio

Voto:
Leggi il diario
USA: Parchi Ovest ELENA

Esperienza di viaggio

Voto:
Leggi il diario
Contrada 34 - Agenzia viaggio

La realtà di una nuova cooperativa al femminile. La professionalità come sfida. La sensibilità femminile come valore aggiunto. Un’agenzia viaggio nel tempo di internet significa operare in un mercato che richiede professionalità e rapidità, certezze e unicità della proposta. Una “diversità” che risiede nella possibilità di avere un’esperta a disposizione, in grado di assicurare qualità e convenienza. Per vivere senza preoccupazioni l’incanto di una spiaggia innanzi all’astro che inizia a colorare il tramonto o l’avventura sulle rive di un grande fiume gurgitante nel suo clangore perenne...leggi tutto

Contatti agenzia viaggio

Contrada Del Cavalletto 34 25122 BRESCIA (BS) IT
cavalletto@contrada34.it
030 3750195
030 3751547

Contrada 34 - agenzia viaggio brescia - Soc.Cooperativa - CF e PI 03621050982